Utilizziamo i cookie per permettere all'utente di usufruire al meglio del nostro sito Internet. Navigando, l'utente accetta l'uso dei cookie da parte nostra. La nostra policy sui cookie
Attiva l'uso di cookie per meglio usufruire del sito Internet. Consenti l'uso di cookie La nostra policy sui cookie

Questi prodotti sono appositamente formulati per offrire un apporto nutritivo adeguato in caso di disturbi gravi o nella fase di guarigione e dovrebbero essere utilizzati solo su consiglio di un veterinario.

Capisco e voglio vedere le Veterinary Diets Torna ai prodotti

CURA DEL CUCCIOLO – ESERCIZIO E ARTICOLAZIONI SANE

Ora che il cucciolo sta diventando adulto, una maggiore forza fisica implica un esercizio più intenso. Ogni padrone deve garantire la salute del proprio cane assicurandogli ogni giorno almeno una passeggiata. Ma mentre si tira fuori quel vecchio frisbee da uno scatolone in garage, è opportuno dedicare un pensiero alla salute delle sue articolazioni.

Mantenere in salute le articolazioni nel lungo periodo

Rincorrere una palla, saltare un tronco, correre come il vento: ora che sta diventando adulto, il cucciolo si muove con un'energia strabiliante, che sottopone le sue articolazioni a una sollecitazione e a una pressione crescenti. È opportuno, quindi, tenere presente che un esercizio fisico troppo intenso e precoce, o anche solo lo scendere dall'auto in modo un po' pesante può, nel lungo termine, portare problemi alle articolazioni. Per avere un'indicazione approssimativa, si possono considerare 5 minuti di esercizio per ogni mese di età, fino a due volte al giorno, fino a quando il cucciolo diventa adulto; ad esempio, 15 minuti (fino a due volte al giorno) a 3 mesi di età, 20 minuti a 4 mesi e così via. Una volta divenuto adulto, può sostenere attività più lunghe.

Anche se nel cucciolo l'esercizio fisico aiuta a mantenere una massa muscolare sana, con una media di 321 ossa (rispetto alle 206 degli esseri umani) il benessere è una questione di equilibrio tra alimentazione corretta e livelli crescenti di attività, in linea con la sua fase di sviluppo (per le taglie grandi e giganti fare attenzione: il cane potrebbe arrivare a 24 mesi prima di essere in grado di affrontare un'intensa passeggiata in collina).

È opportuno, quindi, cercare di fermare il cane che corre all'impazzata giù da un pendio e trasportarlo nel bagagliaio dell'auto, almeno fino a quando avrà terminato la crescita. Cercare un'alimentazione di prim'ordine completa e bilanciata, con proteine di alta qualità e i giusti livelli di calcio, glucosamina e solfato di condroitina per favorire la salute delle cartilagini.

I cuccioli di taglia grande sono maggiormente soggetti al rischio di sviluppare problemi allo scheletro. Tuttavia, se nella loro alimentazione viene ridotto l'apporto energetico e di calcio e fosforo, possono crescere ad un ritmo corretto e diventare adulti sani. Se il cane zoppica o tiene un arto inclinato, consultare il veterinario.

Farlo correre

Suddividere l'attività fisica del cane in due o tre sessioni giornaliere. Se si ha poco tempo, ed è molto probabile che non si riescano a fare tre passeggiate al giorno, velocizzare il ritorno dal parco o dalla zona di sgambamento facendogli rincorrere dei giocattoli. Frisbee o giocattoli da lancio e riporto possono andare bene, ma in fin dei conti niente è meglio di una semplice palla.

Piuttosto che una da tennis, che raccoglie sporcizia e potrebbe bloccarsi nella gola del cane, provare a utilizzare una palla morbida bucata o una da calcio sgonfia. Mostrargliela con entusiasmo e presto saranno inseparabili.

Non lanciargli mai un bastone: le lesioni alla bocca e alla gola causate da bastoni sono le più comuni che si presentano ai veterinari e possono risultare gravi, se non addirittura mortali.

È opportuno fare attenzione a un aspetto importante mentre lui è impegnato in questa attività di inseguimento: impedire che diventi un proiettile impazzito che rischierebbe di mettere in pericolo chiunque si trovasse a transitare nei paraggi, dalle persone che fanno jogging agli altri animali. Portare con sé un guinzaglio estensibile e fare un lancio di prova. Se ci si trova in una situazione ad alto rischio o si nota che raddrizza le orecchie in direzione di un altro animale o di una persona, mettergli immediatamente il guinzaglio e tirarlo pronunciando un "No" deciso. Non guardare il proprio cane o ciò che sta attirando la sua attenzione, ma allontanarsi a passo sicuro con un allegro "Andiamo!". Non tentare di trascinarlo, ma tirare, controllare e allentare il guinzaglio fino a quando se ne andrà volontariamente.

Il richiamo dal successo assicurato

Il cucciolo, ora più maturo, curioso e sicuro di sé, vuole essere più indipendente. Ecco come rendere la sordità selettiva un ricordo del passato.

  • Pronunciare un comando chiaro come "Qui" o utilizzare un fischietto per cani: il nome del cane, infatti, è troppo ambiguo per lui.
  • Non punire mai il cane dopo che è ritornato, anche se ha preferito rimanere a fiutare il tronco di un albero per 10 minuti invece che trascorrere quel tempo con voi. Ricompensarlo sempre. Di tanto in tanto, un pieno di snack quando ritorna immediatamente farà guadagnare tutti i suoi favori.
  • Per rendere più divertente il tempo trascorso insieme è possibile fare questo gioco durante le passeggiate: lanciare un pezzo di crocchetta al cucciolo e cominciare a correre; appena si avvicina, fargli i complimenti con entusiasmo e lanciarne un altro; continuare fino a quando si rimane senza fiato (per qualcuno può risultare un gioco molto breve!).
  • Se non si è propensi a correre, ma di tanto in tanto si va a passeggiare in compagnia, sfruttare queste occasioni. Chiedere ad un amico di tenere il cane mentre lo si precede e ci si nasconde dietro a un albero. Appena il cane viene lasciato libero, utilizzare il comando di richiamo per incoraggiarlo a trovare il proprio nascondiglio. Quando lo trova, fargli i complimenti.

Consigli di addestramento ispirati ai cani da lavoro

A 8 mesi, grazie a un migliore controllo e ad articolazioni più forti, il cane può lavorare più di quanto desideri. Prendere ispirazione dalle abilità sviluppate dai cani da lavoro e avviarlo ad esse.

  • L'arte dei Schutzhund (i cani poliziotto tedeschi), in cui il cane è sotto il completo controllo del padrone, comincia con addestramenti all'obbedienza e di agility. Saltare tronchi e fare lo slalom tra i pali di una recinzione mentre si è fuori per una passeggiata è un modo semplice per migliorare l'agilità. Saltare attraverso cerchi, invece, è un'attività divertente per i cani di piccola taglia.
  • Le tecniche perfezionate dagli addestratori di cani guida e per disabili possono ampliare il repertorio degli esercizi intelligenti che il cane può eseguire. Uno dei metodi più efficaci per educare il cane a comportarsi correttamente, sia in casa che fuori, è il Clicker Training, grazie al quale è possibile insegnare al cucciolo ad andare a prendere il telecomando, trovare le chiavi o perfino chiudere la porta di casa. Inoltre, è importante la voce: i cani reagiscono al suono di una parola piuttosto che alla parola stessa. Se per ricompensarlo quando si comporta bene si utilizza un tono di voce acuto e allegro, simulando il mugolio che produce la madre con i suoi cuccioli, sarà ben disposto a rispondere positivamente a tali suoni. I cani da pastore, in particolare, rispondono a un fischio che ricorda lo stesso tono e ritmo di un comando come "Come Bye". Un ultimo consiglio: assicurarsi di pronunciare i comandi sempre con lo stesso tono di voce.

 


Ricomincia la ricerca del Product?

Welkom bij EUKANUBA België / Bienvenue sur EUKANUBA Belgique